Troina-Rocca 2-2 tra spettacolo ed epilogo da censura

Troina – Finisce 2-2 il big match del “Silvio Proto” tra Troina e Rocca di Capri Leone, valido per il diciannovesimo turno del girone B di Eccellenza. Una partita spettacolare chiusa da episodi poco in linea con ciò che si è visto tecnicamente sul campo. I tifosi del Troina, infatti, a fine gara hanno insultato e minacciato i giocatori ospiti, così come nell’intervallo tra il primo e il secondo tempo, quando la terna arbitrale è stata addirittura scortata negli spogliatoi dalle forze dell’ordine. Le intemperanze dei supporters rossoblù hanno però oltrepassato il limite con il lancio di un sasso che ha colpito il pullman del Rocca, in procinto di partire per il viaggio di ritorno. Non è corretto fare di tutta l’erba un fascio ma di certo qualche pseudo-sostenitore locale dovrebbe cambiare modo di vivere lo sport.

Parentesi indegna a parte, Troina e Rocca hanno dato vita ad un grande incontro di calcio, premiando gli oltre 500 presenti allo stadio. L’incontro inizia subito con la squadra di casa arrembante e al 5′ un dubbio fuorigioco segnalato ad Adeyemo vanifica la rete dell’attaccante di casa. I primi 20′ vedono gli ennesi provare ad imbastire manovre corali mentre gli ospiti di Bellinvia cercano di pungere con veloci ripartenze. Da segnalare, tra i locali, l’esordio del classe 2000 Alves Nauhel, argentino addirittura capitano. Proprio al 20′, comunque, al primo affondo i messinesi passano. Fallo su Lucarelli al limite dell’area, punizione magistrale di D’Anna che si stampa sull’incrocio dei pali e Biondo, come un falco, di testa ribadisce in rete per lo 0-1 biancoazzurro. I ragazzi di Pagana non ci stanno e al 25′ sfiorano il pari con Adeyemo, che taglia alle spalle della difesa ma che non dosa bene la forza del suo pallonetto che scavalca Scurria ma anche la traversa. Al 30′ una gran botta di Piyuka su calcio da fermo si perde di poco alta mentre al 42′ è Diop dal limite a sparare col sinistro senza trovare i pali difesi da Scurria per qualche centimetro. Il primo tempo si conclude così sullo 0-1 per gli ospiti, che vanno negli spogliatoi sommersi dall’ostilità del pubblico locale e subendo qualche atteggiamento poco sportivo anche sul rettangolo di gioco.

La ripresa comincia con i caprileonesi per nulla intimoriti dall’ambiente ma beffati dall’asse Adeyemo-Diop: minuto numero 52, l’esterno rifinisce per il centravanti che buca la retroguardia biancoazzurra, scarta Scurria in uscita e insacca il punto del meritato pari rossoblù. Gli ospiti non si scompongono e al 65′ Lucarelli, mancino naturale, al volo da buona posizione non centra il bersaglio col destro. Pochi istanti più tardi è Piyuka a provarci su punizione dai trenta metri ma l’estremo difensore messinese si salva in due tempi. All’80’, quindi, è la volta di Mariano Russo, che di testa devia un calcio piazzato di D’Anna trovando pronto Dia. All’85’, sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina di Piyuka, il Troina ribalta il risultato: palla sul secondo palo, Scurria in uscita non trova la sfera che finisce dalle parti di Milizia che solissimo muove la rete biancoazzurra e fa impazzire il “Silvio Proto”. Sembra il colpo del ko nei confronti di un Rocca che però ha ancora una volta la forza di rialzarsi e che nel secondo minuto di recupero pareggia grazie ad una meravigliosa rasoiata di Venuti che, dopo una mischia su traversone da palla inattiva di D’Anna, scaglia una bordata dal limite con il cuoio che bacia il palo lungo della porta di Dia e termina la sua corsa in fondo al sacco. Il 2-2 è cosa fatta ma nella concitata esultanza gli ospiti perdono Longo, espulso dal non perfetto signor Piazzini di Prato per eccesso di foga nei festeggiamenti. Il pareggio è comunque il risultato più giusto di una sfida bellissima, interpretata alla grande dai calciatori scesi in campo.

Con questo punto, il Rocca mantiene la seconda piazza, a -2 dall’Igea Virtus capolista, mentre il Troina continua a rimanere ai margini della zona play-off. Difficile, invece, commentare l’epilogo di una grande giornata di sport. La violenza col calcio non ha niente a che vedere. Molto probabile che il Troina venga punito dal giudice sportivo per responsabilità oggettiva, per lancio di oggetti contundenti e di petardi.

Troina-Rocca di Capri Leone 2-2 

Marcatori: 20′ Biondo (R), 52′ Diop (T), 85′ Milizia (T), 92′ Venuti (R).

Troina: Dia, Russo Marco, Varela (81′ Musso), Milizia, Alves Nahuel (84′ Marullo), Scalia, Souare (72′ Di Marco), Tuninetti, Diop, Piyuka, Adeyemo. All.: Giuseppe Pagana.

Rocca di Capri Leone: Scurria, Russo Mariano, Longo, Lucarelli, Segreto, Galati, D’Anna, Schepisi (89′ Miano), Triolo, Biondo, Venuti. All.: Santino Bellinvia.

Arbitro: Simone Piazzini di Prato. Assistenti: Breci di Siracusa-Mazzarisi di Caltanissetta.

Note: Ammoniti: Russo Marco, Varela, Milizia, Diop (T); Russo Mariano, Triolo, Segreto, Lucarelli (R). Espulso al 92′ Longo per esultanza scomposta.

Recupero: 1′ pt; 4’+1′ st.

Angoli: 9-2 per il Troina.

Spettatori: 600 circa.

Francesco Gugliotta

(Visited 326 times, 1 visits today)