Pistunina, Velardo: “Pronti per la Promozione e l’Eccellenza”

Messina – La grande festa del “Franco Scoglio” ha chiuso la stagione sportiva del Pistunina che, dopo il quarto posto in Promozione, si è regalato una giornata a tinte rossonere per il 50° anniversario dalla fondazione dello storico club messinese. Creato e curato dalla famiglia Velardo, prima Mimmo, ora Salvatore (presidente) e Giorgia (vice), il Pistunina rappresenta un pezzo importante del calcio peloritano e, tra foto e maglie storiche, in tanti, tra vecchi e nuovi giocatori che per anni hanno indossato la casacca rossonera, hanno voluto omaggiare quella che è più di una semplice società calcistica ma una vera famiglia.

Il merito, però, è di guardarsi indietro per capire quanta strada è stata fatta e di programmare il futuro con oculatezza, ma con un obiettivo ancora da raggiungere e sfumato quest’anno dopo una prima parte di stagione vissuta al di sotto delle aspettative: “Siamo pronti sia per la Promozione che per l’Eccellenza”, ha dichiarato il presidente rossonero, confermando la sua intenzione di presentare domanda di ripescaggio nel massimo campionato dilettantistico regionale: “Lo chiederò e se la Lega riterrà che avremo i requisiti giusti giocheremo in Eccellenza”.

In ogni caso, il Pistunina sarà affidato ancora a mister Nello Miano che, a parte la breve parentesi di gestione Accetta, si appresta a guidare Campo e compagni per il sesto anno consecutivo: “Non ho ancora parlato con la società, ma è una conferma scontata”, ha affermato il tecnico, che, prima di pensare al prossimo anno, ha analizzato il campionato appena concluso: “Il quarto posto di quest’anno è la migliore posizione del Pistunina, ma non lo è stata la qualità del gioco. L’inizio non è stato buono e anche il mio primo approccio è stato negativo – ha ammesso mister Miano –. Poi con pazienza e applicazione, siamo riusciti a risalire la classifica, perché eravamo più tranquilli soprattutto mentalmente”.

In vista della prossima stagione, indipendentemente dalla categoria, il tecnico sembra già avere le idee chiare e, oltre alla riconferma dei veterani, come Foresta, Ingemi, Campo, Buda, Minissale, “serviranno più juniores – ha concluso mister Miano – perché non si può pensare a un progetto importante con i ragazzi contati”.

Davide Billa

(Visited 182 times, 1 visits today)