Igea Virtus, cinquina nel test contro la Messana. Raffaele: “Mancano 5-6 giocatori”

Barcellona P. G. – Buona prova ma è un’Igea Virtus ancora da migliorare e potenziare. È quanto emerso dalla prima amichevole precampionato della squadra di mister Peppe Raffaele che, al “Gepy” Faranda di Patti, ha affrontato la Messana, formazione di Prima Categoria e in attesa di un eventuale ripescaggio in Promozione.

Tanti volti nuovi per i barcellonesi che, oltre al portiere Inferrera, ai difensori Dall’Oglio e Lanza e al centrocampista Biondo (confermati nelle scorse settimane), hanno schierato un undici con Fontana e De Chiara a completare la linea difensiva, Cava e Addamo (ancora non tesserato) in mezzo al campo e un trio offensivo completamente rinnovato con Meta, Caputa e Desi.

“Stiamo cercando di preparare il prossimo campionato di Serie D e stiamo facendo dei carichi importanti e valutando le caratteristiche di alcuni giocatori”, ha spiegato a fine match il tecnico Peppe Raffaele che ha potuto trarre le prime interessanti indicazioni dopo dieci giorni di preparazione. Buon gioco e possesso palla in un organico che sta cominciando a conoscersi e nel quale i nuovi si stanno inserendo con relativa facilità: “Non parlo dei singoli giocatori, ma dobbiamo valutare diverse situazioni, tra cui gli juniores. L’importante è lavorare bene nelle doppie sedute di allenamento, ma il nostro sistema di gioco è abbastanza collaudato grazie alla conferma della maggior parte dei calciatori della scorsa stagione”.

L’Igea Virtus, quindi, sta lavorando con intensità per trovare presto la migliore condizione e, già sabato, sarà impegnata in una seconda amichevole contro il Rocca. Il programma stilato dallo staff tecnico di mister Raffaele procede senza intoppi, anche se la squadra, come detto chiaramente dallo stesso tecnico, deve essere ancora rinforzata: “Stiamo lavorando bene, ma la condizione verrà con il passare dei giorni, delle amichevoli e con i primi impegni ufficiali di Coppa che ritengo un rodaggio per il campionato. Servono almeno 5-6 pedine tra grandi e juniores. Dobbiamo completare la squadra e, da matricola, dobbiamo cercare un paio di giocatori di categoria”.

Davide Billa

(Visited 189 times, 1 visits today)