Si chiude in Gara-4 la stagione della Betaland Capo d’Orlando

Capo d’Orlando – Si conclude alla quarta gara dei Quarti di Finale dei Play-off Scudetto 2016/2017 la grande stagione della Betaland Capo d’Orlando di coach Gennaro Di Carlo. Un campionato, quello disputato dai paladini, che è andato oltre le aspettative, con una salvezza raggiunta con due mesi di anticipo, un play-off conquistato meritatamente dopo 30 giornate strepitose e la storica vittoria in Gara-1 al Forum di Assago. Non bastano cuore, orgoglio e calore del PalaFantozzi in Gara-4 alla Betaland Capo d’Orlando, che viene battuta 62-77 dall’Olimpia Milano.

Cinciarini e Pascolo aprono la gara portando Milano sullo 0-4 e i primi punti dei padroni di casa arrivano dalle mani di Tepic, servito alla perfezione sotto canestro da Ivanovic. Pascolo continua a trascinare i suoi con 4 punti di fila, Hickman recupera palla e serve Raduljica che dalla media mette il +8 EA7 (2-10). La Betaland costruisce bene fino a trovare sotto canestro Tepic, che appoggia il 4° punto dei paladini. La difesa biancoazzurra non riesce a fermare le scarpette rosse, che ancora con Pascolo e la tripla di Macvan allungano il vantaggio ospite fino al +13 (4-17 dopo 6’). Il gioco spalle a canestro di Archie e la penetrazione di Ivanovic valgono il -9 Betaland (8-17 dopo 8’). Tepic dalla lunetta fa solo 1/2, Macvan realizza dalla media e la tripla di Kikowski accorcia fino al -7 (12-19), ma il mini-break di 0-5 firmato da Kalnietis e Abass, che mette a referto da 3 sulla sirena e chiude il primo quarto sul +12 Milano (12-24). McLean apre il secondo parziale. Botta e risposta tra Delas, Pascolo, Diener e Hickman, che al 14° infila la tripla del +15 (16-31). Capo d’Orlando accorcia con un parziale di 4-0 firmato Laquintana e Kikowski, ma Simon e l’inchiodata di Raduljica valgono il nuovo +15. Diener e Delas tengono in vita i paladini, al contropiede di Kalnietis risponde Tepic, ma quattro di fila di McLean valgono il +17 (26-43 dopo 18’). L’Orlandina ci crede e il break di 5-0 in chiusura di secondo quarto firmato Iannuzzi e Archie vale il -12 (31-43), ma il floater di Simon manda le squadre negli spogliatoi sul 31-45.

Raduljica rientra dagli spogliatoi con il 2/2 dalla lunetta, la bomba di Archie riporta la Betaland al -13 (34-47 dopo 21’), ma Milano costruisce un break di 0-9 firmato Pascolo, Raduljica, Hickman e Simon che la issa al massimo vantaggio, +22 (34-56) dopo 23’. Il fallo tecnico fischiato a Raduljica per proteste manda Kikowski in lunetta ed Archie a inchiodare a due mani il -19 (37-56). Hickman 2/2, Ivanovic sul piede perno dalla media e la tripla di Berzins in transizione vale il -16 (42-58 dopo 26’) che inducono Repesa al timeout. McLean al rientro in campo realizza in fade-away, Berzins e Ivanovic accorciano al -14 (46-60) al 27’30’’. Delas fa 1/2 in lunetta, ancora l’ala lettone dalla media e in 30” è -11 (49-60) grazie al parziale di 15-4. Macvan da sotto e l’1/2 di Hickman dalla linea della carità chiudono il terzo quarto sul 49-65. I paladini non vogliono saperne di abbandonare i play-off senza aver lottato. 5 punti di Archie ed il canestro più fallo subito da Iannuzzi riportano i ragazzi di coach Di Carlo sul -8 (57-65), ma come in Gara-3 è Macvan a chiudere le ostilità: prima un piazzato, poi due bombe e in mezzo un assist per Cinciarini. L’Olimpia va in semifinale, Capo d’Orlando chiude tra gli applausi di un caldissimo PalaFantozzi una straordinaria stagione da sogno. Un campionato storico, concluso con la seconda qualificazione della sua storia ai play-off e la vittoria in Gara-1 al Forum di Assago.

Betaland Capo d’Orlando – EA7 Emporio Armani Milano 62-77 (12-24; 31-45; 49-65)

Betaland Capo d’Orlando: Galipò ne, Tepic 7, Iannuzzi 8, Laquintana 2, Nicevic, Kikowski 6, Delas 5, Diener 4, Donda ne, Ivanovic 6, Archie 15, Berzins 9. All: Di Carlo

EA7 Emporio Armani Milano: McLean 8, Fontecchio, Hickman 10, Kalnietis 4, Raduljica 8, Macvan 15, Pascolo 12, Tarzcewski ne, Cinciarini 6, Abass 3, Cerella ne, Simon 11. All: Repesa

(Visited 23 times, 1 visits today)