A2, Agrigento cede solo nel finale a Legnano

Agrigento – Una caparbia Fortitudo Agrigento tiene testa alla terza forza del campionato. Legnano vince con il punteggio di 85 a 81, al termine di una partita bella e combattuta. Agrigento ha provato a vincerla fino alla fine. I biancazzurri portano quattro giocatori in doppia fila: 20 punti per Evangelisti, 15 per Ambrosin, 15 per Williams e 10 per Zilli.

Al pronti via coach Ciani perde Zilli per infortunio, il giocatore rientrerà a partita in corso. Nel primo periodo di gioco, Agrigento imposta il gioco. Penetra facile Jalen Cannon che trova un canestro con una giusta coordinazione. Risponde Pullazzi con la tripla del pareggio 7-7. Due “bombe” di Marco Evangelisti portano Agrigento in vantaggio. Zanelli e Raivio non sbagliano, pallone intercettato e Legnano che si porta nuovamente in vantaggio: + 3. Nell’ultimo minuto di gioco Williams arpiona un pallone e non sbaglia, sorpasso Agrigento. La partita è apertissima, le due squadre giocano a viso aperto e non si risparmiano

Nel secondo periodo di gioco la Fortitudo parte bene, Simone Pepe dà vita ad una penetrazione fulminea e conquista anche un fallo: due su due dalla lunetta. In campo anche Ruben Zugno, ma è ancora Pepe a servire in velocità Penny Williams che abile schiaccia per il 24 a 31 a favore di Agrigento. La Fortitudo è padrona del campo. Legnano subisce Agrigento con Cannon lotta sotto canestro e conquista fallo: uno su due per lui. Ma i padroni di casa tornano subito in partita, grazie a Toscano. Sono le sue giocate  a svegliare la squadra che da – 8 passa a – 5. I padroni di casa si affidano al solito Raivio, sue le giocate del – 1. Agrigento non demorde, Simone Pepe subisce fallo e fa due su due: i biancazzurri hanno tra le mani la palla del sorpasso.  Subisce ancora fallo Simone Pepe: due su due, Agrigento torna sul + 3.

Nel terzo periodo di gioco è sorpasso Legnano con Mosley, ma una disattenzione della difesa dei padroni di casa “regala” una tripla bellissima al capitano Evangelisti: 52-49. E’ Ruben Zugno a sedersi in cabina di regia, assist per Evangelisti ma questa volta sbaglia. Dall’altra parte Legnano si porta sul + 3 grazie ad un canestro spettacolare di Mosley. La partita è bellissima, Ambrosin si regala cinque punti in un Amen: tripla e penetrazione da due punti. Legnano riparte con Raivio e Mosley, con Toscano che capitalizza l’azione del pareggio.

Nell’ultimo periodo di gioco, rimessa a favore di Agrigento, Pepe tenta la tripla ma sbaglia. Zanelli allontana Legnano, con lui anche Raivio + 4 per i padroni di casa. Simone Pepe tenta la tripla da lontanissimo e non sbaglia. Fallo di Zilli nel finale, Legnano fa due su due e porta a casa la gara. La partita è stata bella e combattuta, la Fortitudo ha provato a vincerla fino all’ultimo.

FCL Contract Legnano – Moncada Agrigento 85-81 (23-25, 22-21, 20-21, 20-14)

FCL Contract Legnano: Raivio 26 (6/14, 2/5),  Zanelli 17 (3/3, 2/8), Mosley 15 (7/7, 0/0), Pullazi 11 (1/2, 3/7), Toscano 9 (3/5, 1/2),  Tomasini 7 (2/5, 0/2),  Roveda 0 (0/0, 0/1),  Tosi 0 (0/0, 0/0),  Berra 0 (0/0, 0/0), Maiocco 0 (0/0, 0/0), Biraghi 0 (0/0, 0/0), Gazineo 0 (0/0, 0/0). All Ferrari

Moncada Agrigento:  Evangelisti 20 (4/4, 3/5),  Williams 15 (4/8, 2/6), Ambrosin 15 (4/6, 2/4),  Zilli 10 (4/5, 0/0), Pepe 9 (1/4, 1/4), Cannon 8 (1/3, 1/3), Lovisotto 4 (0/2, 0/1), Zugno 0 (0/3, 0/1), G Cuffaro 0 (0/0, 0/0),  Guariglia 0 (0/0, 0/0). All Ciani, ass coach Dicensi

(Visited 9 times, 1 visits today)