Formula 1, quarto posto agrodolce per Ricciardo in Canada

Messina – Quarto posto che sa di rammarico. Daniel Ricciardo con il piazzamento ai margini della zona podio conclude un GP del Canada nel quale poteva sicuramente raccogliere di più. Il compagno di team Max Verstappen ha infatti conquistato un podio dimostrando una velocità superiore rispetto al pilota di origini messinesi per tutto il week-end, dimostrazione lampante di come la power unit più evoluta portata dalla Renault a Montreal abbia leggermente ridotto il gap da Mercedes e Ferrari. In più Lewis Hamilton ha vissuto un fine settimana canadese abbastanza difficile, visto che la scuderia tedesca non ha deciso di gettare in pista la seconda versione della power unit.

Tutte condizioni che potevano permettere all’italo-australiano di poter almeno inserirsi nella lotta per il podio con il talento olandese. Partito dalla sesta posizione sullo schieramento di partenza, Daniel ha però in parte ribaltato l’esito delle qualifiche, come dimostra il sorpasso effettuato su Kimi Raikkonen allo start che gli ha poi permesso di mettere nel mirino Lewis Hamilton. Tra i due il distacco si è mantenuto intorno al secondo e mezzo fino alla sosta per il cambio gomme per entrambi. L’iridato della Mercedes rientra per il suo pit-stop, l’italo-australiano decide di rimanere in pista una tornata in più, ottenendo il giro più veloce sfruttando la gomma hypersoft più performante e di rientrare successivamente per il doppio cambio-gomme. Qui sono abili i meccanici Red Bull ad effettuare il cambio gomme in pochissimo tempo e a rimettere l’italo-australiano in pista davanti al campione del mondo.

Nella seconda parte di GP, l’italo-australiano è stato bravissimo a tenersi dietro il tedesco della Mercedes ma soprattutto a mantenere il distacco sopra il secondo, condizione che non ha permesso a “The Hammer” di azionare il DRS nel lunghissimo rettilineo che precedeva l’ingresso ai box. In realtà qualche brivido per Daniel è forse arrivato nei giri conclusivi quando, complice la presenza di molti doppiaggi da effettuare, Hamilton ha tratto vantaggio nel tentativo di avvicinarsi al pilota di origini messinesi, senza arrivare però agli effetti sperati. Al termine della gara Ricciardo ha quindi conservato il quarto posto che però non è stato sufficiente a fargli mantenere la terza posizione nella classifica iridata, visto che Valterri Bottas con il secondo posto finale dietro a Sebastian Vettel, è riuscito a balzare in terza posizione dietro al compagno di team e al tedesco della Ferrari.

Danilo Scurria

(Visited 28 times, 1 visits today)