Formula 1, Austria da dimenticare per Ricciardo

Messina – Il Gran Premio d’Austria deve essere assolutamente archiviato da Daniel Ricciardo nel libro nero dei brutto ricordi. Il pilota di origini messinesi è infatti incappato nella sfortuna, perché nel corso del giro 55 è stato costretto al ritiro per la rottura della power unit Renault sulla propria Red Bull. Un duro colpo per Daniel, arrivato per uno scherzo del destino nella gara di casa della scuderia austriaca, che gli fa anche perdere per il terzo week-end consecutivo il duello in famiglia con Max Verstappen sia in qualifica che in gara.

La giornata di Ricciardo però sembrava essersi messa sui giusti binari quando, dopo il ritiro di Bottas per la rottura del cambio sulla sua Mercedes, era stato abile a sfruttare il regime di virtual safety car per rientrare ai box per il cambio gomme e montare le soft. Ripresa la gara agonistica e dopo aver messo per diversi giri sotto pressione Kimi Raikkonen, Daniel ha approfittato dell’errore del finnico nella curva in salita che caratterizzava la pista austriaca per poi portarsi in zona Drs sul secondo rettilineo del tracciato di Zeltweg, superare il pilota della Ferrari e mettersi in seconda posizione con l’obbiettivo di andare a caccia di Max Verstappen. Sul più bello però è avvenuto per Daniel l’imprevedibile, come il blister accusato sulla gomma posteriore sinistra che lo ha costretto a rientrare  ai box al giro 55 per montare nuovamente un nuovo set gomme supersoft.

Rientrato in pista per l’ultima parte di gara, è avvenuto quindi il ritiro che pone fine alla sua corsa. Con lo “zero” dell’A1 Ring, il pilota di origini messinesi ha perso il terzo posto nella classifica iridata a scapito di Raikkonen, che ha concluso la gara in seconda posizione dietro Verstappen. In più il compagno e talento olandese con il successo finale, si porta solamente a tre punti da Daniel nel Mondiale piloti.

Danilo Scurria

(Visited 18 times, 1 visits today)