Super rimonta Ricciardo, in Ungheria è quarto

Messina – Splendido. Daniel Ricciardo dopo il Gran Premio d’Ungheria merita ampiamente questo aggettivo per la bellissima gara di oggi pomeriggio conclusa con il quarto posto finale. Partito dalla 12esima piazza dello schieramento di partenza, complice una seconda parte di qualifica condizionata dalla pioggia, il pilota di origini messinesi è infatti stato protagonista di una bellissima rimonta.

Allo start però tutto sembrava essersi compromesso per un contatto avuto con Charles Leclerc prima dell’ingresso della prima curva, contatto che gli aveva fatto perdere ulteriori posizioni nella classifica della gara. Il contatto non ha comunque danneggiato la sua vettura, conseguenza che gli ha permesso di dare inizio alla rimonta che lo ha portato a risalire in settima posizione dopo 16 giri, grazie ad una serie di sorpassi arrivati tutti a conclusione del rettilineo di partenza, in staccata e grazie all’ausilio del Drs su Fernando Alonso, Romain Grosjean, Nico Hulkerberg, Brendon Hartley e Carlos Sainz.

Un paio di giri dopo, Kevin Magnussen e Pierre Gasly sono stati le altre vittime sacrificali che hanno permesso al pilota di origini messinesi di issarsi in quinta posizione già prima di metà gara. In più, è perfettamente riuscita la strategia di partire con gomma soft, nel tentativo di allungare il primo stint di gara il più a lungo possibile. La strategia attuata ha permesso a Daniel di essere l’ultimo pilota in pista ad effettuare il cambio gomme al 45esimo giro montando le ultrasoft per la parte finale del gran premio.

Quando la sua gara sembrava cristallizzata in quinta posizione, ecco che è avvenuto il colpo di scena finale che lo ha fatto balzare al quarto posto sotto la bandiera a scacchi. Al 65esimo giro, il contatto tra Vettel e Bottas ha portato al danneggiamento della Mercedes del finnico, che ha consentito al pilota di origini messinesi di tentare il sorpasso all’esterno su Valterri, il quale nel tentativo di difendersi ha danneggiato la vettura di Ricciardo con una manovra ai limiti del regolamento (foto SportFair). Tutto questo ha imposto a Toto Wolf di dare mandato al muretto affinché informasse Bottas tramite i team radio di cedere la quarta posizione a Ricciardo per non incorrere in penalità nel post gara, comunque arrivata lo stesso.

Con il quarto posto finale, Ricciardo ha perso ulteriore contatto da Kimi Raikkonen nella classifica piloti per l’assegnazione platonica del podio della classifica iridata dietro Hamilton e Vettel in virtù del terzo posto del finnico. Allo stesso tempo ha però guadagnato qualche punto sul compagno di team di The Hammer e su Max Verstappen, ritiratosi nelle fasi iniziali della corsa per la rottura della power unit Renault sulla sua Red Bull.

Danilo Scurria

(Visited 36 times, 1 visits today)