Eccellenza “A”: Gela in orbita, impresa Mussomeli. Derby al Paceco

Gela – Un weekend pieno di sorprese, il 25esimo del torneo, cambia la fisionomia della classifica del campionato di Eccellenza “A”. Per effetto degli otto risultati occorsi, di cui cinque vittorie interne, una in trasferta e due pareggi, si registrano infatti nuovi scossoni, in alto quanto in basso. Il Gela è così in fuga, mentre la vittoria è ossigeno puro per Mussomeli, Campofranco e C.U.S. Palermo.

L’unico anticipo è proprio lo spareggio in fondo alla classifica tra universitari e Kamarat. I padroni di casa vincono per 2-0, agganciando proprio i diretti avversari a quota 24. Apre le marcature un autogol, propiziato da un cross di Fricano, mentre nel secondo tempo Gioacchino Serio chiude lo score. Gli uomini di Aprile tornano così alla vittoria interna, che mancava dal 6 dicembre, dopo aver raccolto un punto nella gara recuperata mercoledì a Castelvetrano e pareggiata 0-0 con la Folgore.

In testa alla classifica c’è ancora il Gela da che, liquidando la Libertas con un netto 6-0, vola in orbita. Su Santacataldese e Dattilo sono adesso 5 e 6 i punti di vantaggio, a sole cinque giornate dalla fine. E’ dunque pura accademia la gara del “Presti”, che serve solo ad avvicinare i padroni di casa alla serie D e va in archivio con le doppiette di Nassi e Scerra ed i gol di Mincica e Campanaro. Sotto perde ancora il Dattilo e ne approfitta la Santacaldese, che pur pareggiando si riprende la seconda posizione. I trapanesi, impegnati nella stracittadina del cannolo contro i cugini del Paceco, perdono 3-1 e non si rialzano dopo il tonfo di Cammarata. I biancorossi, quarti e adesso a -2, volano con la tripletta di un super Terranova, mentre per la squadra rivelazione del campionato va in gol Romeo.  Pareggia quindi la Sancataldese, che non va oltre l’1-1 in casa del Raffadali. Gli uomini di Marcenò vanno in svantaggio, ma raddrizzano il match con Martorana e dovranno difendere il secondo posto con le unghie e con i denti. In quinta posizione, pareggia il Castelbuono nel derby contro la Parmonval. La squadra di Mondello, alla prima in panchina del presidente-allenatore Edy Tamayo, sfiora il colpaccio, ma ci pensa Santo Salerno a siglare il gol dell’1-1. Il pareggio, indolore per i madoniti, non accontenta gli ospiti, che rischiano adesso di venire risucchiati in zona playout. Sotto il Castelbuono, torna a gioire la Folgore Selinunte, di nuovo in sesta posizione dopo un periodo da incubo. Nel derby con l’Alcamo è 1-0 il risultato finale, deciso da un gol di De Biase. E’ la vittoria del sorpasso, ma, con un distacco di ben sei punti, sembrano ormai decise le concorrenti per i due slot utili a disputare fuori casa gli spareggi promozione. Un risultato importantissimo è invece quello raggiunto dal Campofranco, che supera ed inguaia il Mazara. Anche in questa gara è 1-0 il finale, griffato Stassi. Se quindi la squadra di Pensabene evita di rimpiombare nelle sabbie mobili, restando a +2, il Mazara è a +5 e non può più dormire sonni tranquilli. I canarini scenderanno però in campo mercoledì a Gravina, contro la locale formazione, per i quarti di finale della coppa Italia di Eccellenza. Continuerà lì il sogno della formazione di Napoli che, passo dopo passo, a condizione di evitare i playout, potrà continuare a dare il meglio di sé e sperare in un posto in serie D. Infine, è il Mussomeli a compiere l’impresa di giornata. A Favara la formazione rossoblu avrebbe potuto toccare il punto più basso di una stagione maledetta, ma così non è stato, grazie ad una di quelle partite destinate a restare nella storia di una stagione, come l’1-0 messo a segno mercoledì nel recupero contro il Mazara. La formazione di Maggio vince di misura, con un gol di Di Leo su calcio di rigore, fermando la corsa di una squadra in forte ripresa che torna però a fare i conti con la penultima posizione.

Nel prossimo turno, sono parecchie le gare ricche di interesse ai fini di classifica. Kamarat-Raffadali è un nuovo spareggio dentro-fuori, con alte possibilità di sorpasso. In Mussomeli-Castelbuono, quanto in Parmonval-Dattilo, rischiano invece di incidere, nella corsa verso la salvezza, sia il fattore campo che la forza della disperazione, dalla parte di entrambe le formazioni locali.

Enzo Cartaregia 

(Visited 152 times, 1 visits today)