F1, GP di Monza in salita per Ricciardo

Messina – In salita e in sofferenza. L’appuntamento di Monza per Daniel Ricciardo infatti si annuncia difficile già prima dell’inizio della tre giorni che faranno dalla cornice alla 84esima edizione del Gran Premio D’Italia. Il pilota di origini messinesi, in quella che può anche essere definita come la sua seconda gara di casa dopo quella di Melbourne che a fine marzo come da tradizione inaugura la nuova stagione, sarà infatti costretto a subire una penalità che lo costringerà domenica a partire dal fondo dello schieramento di partenza.

Il motivo di tale penalizzazione va ricercato nel fatto che sulla sua Red Bull verrà sostituita la power unit Renault, conseguenza che renderà quindi difficile il week-end di Daniel nel Tempio della Velocità. La casa francese ha infatti deciso di portare in pista la nuova unità-motrice Spec C, che farà il suo esordio per la prima volta in questo campionato con Ricciardo a discapito di Carlos Sainz e Nico Hulkerberg, i piloti titolari del team di Enstone. Nella pista dove è l’alta velocità a farla da padrona, si capirà già dalle prime prove libere se questa nuova versione dell’unità-motrice portata da Renault in Brianza possa essere efficace sulla vettura di Ricciardo.

In più, per l’italo-australiano la penalizzazione subita è una specie di deja-vu della scorsa stagione. Anche nel 2017  fu costretto a partire dall’ottava fila della griglia di partenza dopo aver sostituito il cambio sulla sua monoposto. Scattato dalla 16esima posizione, si rese protagonista di una bellissima rimonta che lo portò al quarto posto finale, nella quale uno splendido sorpasso in staccata su Kimi Raikkonen arrivato a conclusione del lungo rettilineo di partenza. Negli ultimi giri il pilota di origini messinesi, complice un set di gomme più fresche mise sotto pressione Sebastian Vettel con una serie di giri veloci nel tentativo di riuscire ad agguantare il podio a scapito del pilota tedesco. Alla fine però il ferrarista riuscì a difendere la terza posizione dal tentativo di recupero di Daniel e a conservare il podio finale dietro Lewis Hamilton e Valterri Bottas.

Alla base della sostituzione della power unit sulla vettura di Ricciardo, sembra esserci la motivazione che si sia decisi di sacrificare la gara brianzola, perché si era già consapevoli di recitare la parte di comprimari, per iniziare a concentrarsi in vista della gara di metà settembre a Singapore. La pista di Marina Bay, rappresenta forse l’ultima opportunità che può avere Daniel per centrare un’altra vittoria dopo quelle di Shanghai e Montercarlo, perché siamo in presenza di un layout del circuito in teoria favorevole alla Red Bull.

Danilo Scurria

(Visited 35 times, 1 visits today)