F1, Ricciardo in Messico per dimenticare Austin

Messina – Dimenticare in fretta Austin. È questo l’imperativo che si pone Daniel Ricciardo in vista del Gran Premio del Messico. Il pilota di origini messinesi infatti vuole subito archiviare l’ennesima delusione della stagione, culminata con il settimo ritiro stagionale nella gara americana.

La pista di Città del Messico presenta un layout differente rispetto a quella del Texas, con notevoli differenze tra i due tracciati. Se ad Austin la prima e l’ultima parte della pista erano appannaggio della Red Bull, invece a Città del Messico subito dopo la partenza vi sono presenti due lunghissimi rettilinei, inframmezzati da una curva, che potrebbero far soffrire la power unit Renault montata sulla Red Bull rispetto a quelle di Mercedes e Ferrari. Solamente la parte centrale, che presenta delle curve lente, potrebbe permettere alla vettura austriaca di cucire il gap dalle monoposto di Stoccarda e Maranello, prima della parte conclusiva del tracciato dove la velocità la fa da padrone, con il contemporaneo ingresso della curva dello stadio che precede l’ultima curva della pista messicana.

Il pilota di origini messinesi a Città a Messico ha anche conquistato un podio in carriera. Quello maturato nel 2016 non è però arrivato in pista sotto la bandiera a scacchi, bensì dopo una lunga diatriba che ha coinvolto Daniel, Sebastian Vettel e Max Verstappen. L’olandese è stato colui che in pista aveva conquistato podio, successivamente la Direzione Gara decise di cancellarlo al pupillo di Helmut Marko per darlo al pilota della Ferrari. Il giorno successivo però i commissari decisero di revocare il podio anche a Sebastian, perché reo di avere chiuso Daniel in maniera irregolare all’ingresso della curva che chiude il secondo rettilineo che caratterizza la prima parte della pista messicana. Oltre al podio ottenuto a tavolino due anni fa, per il pilota di origini messinesi spiccano un ritiro nel 2017 e un quinto posto nel 2015, nella gara che ha segnato il ritorno del Gran Premio del Messico nel circus della F1 dove quasi vent’anni d’assenza dal calendario del Mondiale.

Danilo Scurria

(Visited 32 times, 1 visits today)