Futura, mister Ricciardello: “Grande sfida, dimostrerò di essere all’altezza dell’arduo compito!”

Brolo – Buon avvio di campionato in Promozione per la Futura Brolo di mister Carmelo Ricciardello. La matricola brolese ha iniziato il girone B collezionando 4 punti in due partite anche grazie al suo allenatore, che si è concesso ai microfoni dell’ufficio stampa gialloblù.

Mister Ricciardello, cosa hai provato quando la dirigenza ti ha annunciato la decisione di affidarti la guida tecnica della Futura in Promozione?

“Tantissimo entusiasmo e tanta voglia di dimostrare principalmente a me stesso di essere all’altezza dell’arduo e delicato compito”.

Cosa rappresenta per te la Futura Brolo?

“È difficile trovare delle definizioni per riassumere 20 anni di vita intensi passati insieme a tutti i ragazzi che ho allenato. La Futura per me è l’affetto e la stima che incontro in ogni sguardo di molti di loro anche a distanza di tempo”.

Qual è l’obiettivo che la società di ha chiesto di raggiungere?

“Valorizzare quanti più juniores possibili e mantenere la categoria, cercando di dare una precisa identità di gioco condivisibile anche a tutte le altre categorie che da sempre sono il fiore all’occhiello della società”.

Qual è il personale obiettivo che Ricciardello vuole raggiungere?

“Voglio preparare e affrontare ogni singola partita come se fosse la prima e l’ultima, cercando di vincerla con la padronanza di chi sa quello che fa, divertendomi e divertendo”.

La Futura da sempre ha dimostrato di avere grande attenzione per i giovani. Il consiglio di Mister Ricciardello ai ragazzi?

“Di pretendere sempre dalle società di essere affiancati da tecnici seri, competenti, qualificati ma soprattutto da uomini carichi di valori. È attraverso queste persone che i giovani possono apprezzare lo sforzo e il duro lavoro necessario per realizzare qualsiasi obbiettivo nello sport così come nella vita”.

Un episodio sportivo che non dimenticherai mai?

“10 maggio 2010, la Futura dopo uno spareggio ai play-out con il Montemaggiore retrocede in Prima Categoria. Tutti gli sforzi compiuti fino a quel giorno non avevano più nessun valore. Ero distrutto e dilaniato dal dolore, pensavo di morire. Tornato a casa mi sono lasciato cadere sul letto, inerme e in bocca il gusto amaro della sconfitta. Al mattino dopo una terrificante notte insonne e incubi ad occhi aperti, la mia compagna aprendo la porta con molta cautela mi comunica tra le lacrime che da li a 7 mesi sarei diventato padre. Sono passato in pochi secondi dalla depressione acuta alla gioia più sfrenata e in quel momento mi sembrava di aver vinto una finale di Champions”.

In quale squadra di Serie A ti piacerebbe allenare?

“Il mio sogno è allenare una squadra dove l’area tecnica, societaria, mediatica, le attrezzature e le strutture siano di Serie A… anche in Terza Categoria”.

(Visited 126 times, 1 visits today)