Giarre: preso Santitto, torna Compagno

Giarre – L’ASD Giarre 1946, nella persona del Presidente-giocatore Giulio Nirelli, ha ufficializzato l’ingaggio di due pedine chiamate ad innalzare lo spessore qualitativo della rosa affidata all’allenatore Giancarlo Fichera. Il club di Via Olimpia ha infatti perfezionato l’ingaggio non solo del terzino destro Joquin Santitto, proveniente dall’Acireale, ma anche del centrocampista Daniele Compagno, nella stagione scorsa approdato al Mazara dopo una breve parentesi nel Giarre del tecnico Carmelo Mancuso.

Joquin Santitto, classe ’98, è un esterno basso in grado di ricoprire sia il ruolo di terzino destro che quello di terzino sinistro. Prima di indossare, nella stagione scorsa, la maglia dell’Acireale, Santitto ha militato per sette anni nelle giovanili del Catania. Nel 2012 inoltre, l’esterno Santitto ha sostenuto due stage con la Nazionale Italiana under 15: uno ebbe luogo a Lamezia e l’altro a Coverciano. In occasione dell’esperienza di Coverciano, Santitto partecipò al torneo di Natale. La duttilità dell’atleta, in possesso di caratteristiche che lo rendono incline anche ad agire da ala, ha convinto il Presidente Nirelli ad assicurarsi le sue prestazioni. L’arrivo di Santitto irrobustisce il pacchetto arretrato che adesso può contare sull’apporto di quattro terzini (Alessandro Curcuruto, Nino Villani, Vittorio Vecchio e il già citato esterno ex Acireale).

Daniele Compagno è invece una vecchia conoscenza del calcio gialloblù, avendo egli indossato la maglia del Giarre per la prima volta nella stagione 2014/2015, sotto le direttive del tecnico Carlo Breve. Il centrocampista palermitano classe ’94, nella stagione successiva, riabbracciò il club di Via Olimpia per poi sposare il progetto del Mazara. Con la maglia dei canarini, Compagno vinse la Coppa Sicilia contro l’Acireale insieme all’ex gialloblù Christian Mastronardi, per poi diventare uno dei protagonisti della cavalcata che permise al Mazara di disputare la finale di Coppa Italia d’Eccellenza contro l’Unione Sanremo a Firenze. La sconfitta nell’ultimo atto del torneo non scalfì lo spirito del giocatore, che adesso ha accettato nuovamente di tornare a sciorinare con la maglia del Giarre, le proprie qualità di centrocampista. La capacità di Compagno di abbinare efficacemente la fase difensiva a quella offensiva,già estrinsecata dal predetto giocatore proprio a Giarre, ha convinto Nirelli a puntare su un mediano che nel recente passato ha anche militato in serie D con la maglia dell’Hinterreggio. L’inserimento di Compagno nello scacchiere di Fichera, consentirà al predetto tecnico di usufruire di una preziosa pedina in funzione dell’ottimizzazione sia della costruzione del gioco che dell’interdizione in fase di non possesso. La propensione di Compagno a pungere gli avversari con pericolosi inserimenti, è un altro aspetto che ha persuaso Nirelli relativamente al valore del giocatore.

(Visited 181 times, 1 visits today)