Giro d’Italia 2016: Ciccone re di Sestola, Valverde supera Nibali

Sestola – La decima tappa del Giro d’Italia, 219 km da Campi Bisanzio a Sestola, è il nuovo regno di Giulio Ciccone. 21 anni, al primo anno tra i pro, il corridore della Bardiani-Csf originario di Chieti ha messo tutti in fila con gamba e sfrontatezza, conquistando la tappa dopo un allungo sull’ultima discesa dove l’ormai ex maglia rosa Brambilla si sacrificava in nome della scuderia Etixx, consegnando il primato al compagno di squadra Bob Jungels. Dietro, Valverde beffa sul traguardo Nibali (Astana), guadagna sul campione siciliano 4” e lo supera in classifica di 2”.

Sul traguardo di Sestola in solitaria si presenta un magnifico Giulio Ciccone, primo con 42’’ sul russo Ivan Rovny (Tinkoff) e 1’20’’ sul colombiano Darwin Atapuma (Bmc). Amador (Movistar) è sesto a 2’10’’: non basta per scavalcare tutti in classifica, sono infatti 23 i secondi di ritardo nei confronti della nuova maglia rosa Jungels. Il costaricano ora è secondo e alle sue spalle ha il capitano della Movistar Alejandro Valverde, che sprinta all’arrivo e toglie 4’’ a Nibali, Pozzovivo, Kruijswijk e Zakarin. Da segnalare il ritiro dello spagnolo Landa per problemi fisici.

Classifica 1. Jungels (Lus); 2. Amador (C. Rica) a 26”; 3. Valverde (Spa) a 50”; 4. Kruijswijk (Ola) a 50”; 5. Nibali a 52”; 6. Brambilla a 1′ 11′; 7. Majka (Pol) a 1′ 44”; 8. Fuglsang (Dan) a 1′ 46”.

Francesco Gugliotta

(Visited 186 times, 1 visits today)