Il Messina vince 1-0: Tavares piega il Melfi

Messina – Il Messina continua a vincere e, con l’1-0 sul Melfi firmato Diogo Tavares, conquista il terzo successo consecutivo dopo Lupa Castelli Romani e Foggia e raggiunge quota 40 punti, che vale la salvezza più che virtuale.

Una novità nell’undici iniziale di mister Raffaele Di Napoli: è Genny Russo a completare la linea difensiva a quattro con Martinelli e De Vito al centro e Ionut, confermato a destra nonostante qualche acciacco in settimana, mentre Zanini è avanzato a centrocampo, al posto dello squalificato Giorgione, con Baccolo e Fornito. In avanti il trio Tavares, Gustavo e Scardina.

La gara stenta a decollare e una lunga fase di studio non favorisce certamente lo spettacolo, in un primo tempo dai ritmi non elevati e con qualche tentativo di affondo delle due squadre, che non impensieriscono i due portieri. Al 16’ un’indecisione di De Vito avvantaggia Masini, che ruba palla e scappa verso la porta, ma rimedia Russo che impedisce all’attaccante di calciare; al 19’ l’errore, invece, è di Cason: Scardina ruba palla, ma davanti a Santurro prova il tacco e il portiere respinge. Al 24’, sugli sviluppi di una punizione di Fornito, Gustavo spara alto dal limite, mentre, poco dopo, la mezz’ora, si ferma Zanini (strappo) ed è costretto a lasciare il campo. Al suo posto Bramati, al rientro dopo un lungo infortunio, ma il giovane centrocampista è sfortunato e la sua gara dura poco più di dieci minuti: un taglio sotto il ginocchio, infatti, lo mette fuorigioco e, prima dell’intervallo, lascia il campo per Barilaro. Nel finale le due squadre cercando di alzare i ritmi ed è il Messina a sfiorare il vantaggio: al 45’ punizione di Fornito e colpo di testa di Scardina che si infrange sulla traversa e, al 47’, destro dal limite di Tavares, con Santurro che si distende e mette in angolo.

In avvio di ripresa i giallorossi partono subito forte e, dopo due minuti, Scardina libera Tavares che supera Cason, ma Santurro gli chiude lo specchio, mentre, al 55’, il sinistro da fuori di Gustavo finisce a lato. Al 61’ il Melfi replica con un lancio lungo per Masini, l’attaccante non controlla bene e Berardi evita guai peggiori con una perfetta uscita bassa. Tre minuti dopo, lo stesso estremo difensore giallorosso respinge la conclusione del neo entrato Canotto e, al 65’, lo imita Santurro che manda in corner l’insidioso sinistro ravvicinato di Gustavo su cross di Barilaro. Dal successivo corner, doppio tentativo di Tavares e Martinelli, ma il muro difensivo lucano regge. Al 68’ si rivede anche Padulano, che rileva Russo, e propone subito per Fornito (72’), ma il suo sinistro dalla distanza è bloccato da Santurro. Il Messina, che concede al 73’ solo un destro da fuori a Giacomarro (alto), cerca di aumentare la pressione offensiva e raccoglie i frutti all’80’, quando su cross di Barilaro, Tavares, al limite, si coordina bene e manda la sfera sotto l’incrocio. Gli ospiti sono costretti a gettarsi in avanti e si rendono pericolosi solo all’86’ con un’occasione di Soumarè che, da pochi passi, esalta i riflessi di Berardi, bravo a negare il pari. In pieno recupero (92’) doppia chance per i giallorossi: dai 20 metri, potente sinistro su punizione di Fornito, respinto da Santurro, che si ripete sul tentativo ravvicinato di Gustavo. Il portiere ospite salva in angolo, evita il raddoppio ma non la vittoria del Messina, che si impone di misura, rafforza il settimo posto e si presenta al meglio al derby di giovedì contro il Catania.

MESSINA-MELFI 1-0

Messina: Berardi, Ionut, Gen. Russo (68’ Padulano), Baccolo, Martinelli, De Vito, Fornito, Zanini (32’ Bramati – 45’ Barilaro), Tavares, Gustavo, Scardina. A disp.: Addario, Mileto, Fusca, Giu. Russo, Biondo, Masocco, Cocuzza, Lia. All.: Raffaele Di Napoli.

Melfi: Santurro, Annoni (67’ Petricciuolo), Giron, Maimone, Cason, Petta, Soumarè, Giacomarro, Masini (70’ Ingretolli), Finazzi (61’ Canotto), Longo. A disp.: Gagliardini, Silvestri, Colella, Demontis, Boscolo. All.: Guido Ugolotti.

Rete: 80’ Tavares

Arbitro: Candeo di Este

Assistenti: Stazi di Ciampino e Bianchini di Cesena

Recupero: 3’ e 3’

Davide Billa

(Visited 133 times, 1 visits today)