Lo Monaco: “Pretese eccessive per rilevare il Catania”, il club etneo: “Non ci risulta”

Catania – Pretese troppo elevate per rilevare il Catania da parte di Pulvirenti, per questo un gruppo estero si sarebbe tirato indietro nell’acquisizione del club etneo. Questo, in sintesi, il succo del discorso di Pietro Lo Monaco, ex direttore dei rossoazzurri, che in un’intervista si è rivolto al patron catanese chiedendo di non avanzare grosse richieste per la cessione della società e specificando che un gruppo internazionale, molto interessato al Catania soprattutto dopo aver visitato Torre del Grifo, avrebbe fatto dietrofront dinnanzi ad una domanda troppo esosa da parte della dirigenza siciliana. A tal proposito, il Catania ha risposto con un comunicato ufficiale che smentisce quanto dichiarato da Lo Monaco. Di seguito la nota stampa diramata dalla società etnea.

“In riferimento alle dichiarazioni rese da Pietro Lo Monaco, intervistato in occasione della trasmissione “Faccia a Faccia” del 9 marzo 2016, il neonominato Consiglio di Amministrazione di Finaria S.p.A. conferma la disponibilità, già espressa dal precedente organo amministrativo, a valutare proposte di cessione del proprio pacchetto azionario in Calcio Catania S.p.A., purché i soggetti interessati all’acquisizione siano in possesso di credenziali e capacità economico-finanziarie, oltreché morali, adeguate a garantire la conservazione e il rilancio della società sportiva, patrimonio della città di Catania oltreché del gruppo imprenditoriale riferibile al signor Pulvirenti.

Per quanto riferitoci dai nostri advisor, inoltre, non ci risulta che siano state richieste “esorbitanti fideiussioni” a soggetti interessati all’acquisizione della società sportiva, come dichiarato dallo stesso Lo Monaco nel corso della citata intervista.

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Finaria S.p.A.

Dottor Davide Franco”

Francesco Gugliotta 

(Visited 141 times, 1 visits today)