Parisi-Cascio vincono il rally “Valle del Sosio”, il duo La Franca top tra le Historic

Burgio – I Motori della competizione organizzata dall’Associazione Italia Grandi Eventi, in coorganizzazione col comune di Chiusa Sclafani, si sono accesi nella giornata di sabato 6 Ottobre nella cittadina di Burgio, dove si sono svolte le rituali operazioni di verifiche sportive e tecniche, che hanno visto sotto l’occhio attento del personale preposto ben 53 auto moderne e 16 auto storiche. La competizione valida per il Campionato Nazionale valido per il Trofeo Rally Sicilia (TRS), che ha goduto di una positiva risposta del territorio e dal tanto pubblico riversatosi sulle balze del percorso e nelle locations che hanno visto la partenza e l’arrivo. Preziosa per la riuscita della manifestazione la fattiva collaborazione dei Comuni di Chiusa Sclafani, Bisacquino e Giuliana, a cui si sono aggiunti quelle dei Comuni di Burgio, Caltabellotta e Villafranca Sicula, dando la possibilità agli organizzatori di riprendere, e inserire nel percorso di gara, la storica prova speciale di Caltabellotta, che da circa 30 anni non era utilizzata nelle competizioni motoristiche.

Il Rally Valle del Sosio da sempre è stato molto radicato in tutto il comprensorio che coinvolge, un territorio da sempre legato alla passione per il motorsport e per i rally in particolare, un territorio che in ogni modo fa sentire la propria fiducia alla funzionalità promozionale dell’appuntamento sportivo, supportandolo e iniettando reciproca fiducia come dimostra ancora una volta la collaborazione con l’Unione dei Comuni della Valle del Sosio. Gli organizzatori e gli esponenti delle Amministrazioni del territorio, hanno ulteriormente sottolineato la piena collaborazione anche nel garantire il pieno rispetto di ogni regola ed hanno espresso sin d’ora gratitudine verso le forze dell’ordine che ne garantiscono l’osservanza. Da sottolineare anche il contributo all’organizzazione da parte dell’Assemblea Regionale Siciliana, attenta a patrocinare importanti eventi sportivi, capaci di incentivare il territorio e le tradizioni ad esso legate. Invariate le sedi di partenza e di arrivo. I concorrenti si sono ritrovati domenica 7 ottobre a Bisacquino, dove alle ore 9:00, hanno preso il via alla manifestazione.

A seguire le 3 prove speciali: “Sant’Anna” di 6,40 km, “Caltabellotta” di 7,12 km e “San Carlo” di 6,48 che si ripetute per 3 volte. È stata lotta serrata fin dalle battute iniziali tra l’esperto pilota di casa Totò Parisi navigato dalla giovane Eleonora Cascio, a bordo di una Skoda Fabia R5 con i colori della Scuderia Project Team, ed il giovane pilota Marco Pollara coadiuvato da Giuseppe Princiotto, su Peugeot 208 T16 R5, con le insegne della Scuderia C.S.T. Sport. In gara con ambizioni di vittoria finale, altre due Skoda Fabia di classe regina, condotte dal giovane Alessio Profeta in coppia con Sergio Raccuia e Luigi Bruccoleri assistito dalla giovane co-driver Ilaria Rapisarda. Molto accesa anche la sfida tra le due Peugeot 207 S.2000 del rientrante Giacomo Bruccoleri (inattivo da tanti anni) in coppia con Ivan Rosato della scuderia Project Team e Bartolomeo Mistretta, che ha diviso l’abitacolo della Francese con Antonio D’Amico C.S.T.Sport. In egual maniera lo spettacolo a colpi di acceleratore e traversi non è mancato nelle restanti e rispettabili classi. In fine a spuntarla per l’assoluta è stato il duo Parisi-Cascio, accolto da un tifo da stadio sulla pedana d’arrivo collocata nella Città di Chiusa Sclafani.

Ottimo secondo l’equipaggio campione del tricolore Junior e due ruote motrici della Peugeot Pollara-Princiotto della scuderia C.S.T.Spost, autori di un crash durante le battute iniziali che gli ha fatto perdere tempo prezioso, poi recuperato fino a passare a condurre alle spese di Parisi-Cascio, esordienti su Skoda Fabia, vettura da interpretare al meglio e subito per riuscire ad essere competitivi. Poi sul finale il crono ha nuovamente dato ragione all’esperto Parisi, con un ottimo Alessio Profeta e Sergio Raccuia, (autori di una toccata con conseguente perdita di tempo) sempre su Fabia R5 Island Motorsport, che hanno così concluso sul terzo gradino del podio assoluto, nonostante Alessio mancasse alla giuda da qualche tempo. A Parisi-Cascio, anche il Trofeo Caronia Angitta, mentre Pollara-Princiotto si aggiudicano la vittoria Under 25. Le vittorie di “Gruppo” sono andate: Mistretta-D’Amico (A), Di Giorgio-Vercelli, Parisi-Cascio (R), Festosi-Cimino (RSP).

Tanto interesse suscitato anche da 2° Historic Rally Valle del Sosio, con i consueti grandi nomi che hanno portato in gara potenti vetture del passato.

A vincere il 3° Raggruppamento col miglior crono di gara è stato l’equipaggio della Porsche 911 SC di Claudio La Franca e Francesco La Franca Scuderia ASPAS (Foto Sciacca), che si aggiudicano anche il Trofeo Aldo Geraci, mentre, Angelo Lombardo e Giuseppe Livecchi, portacolori della Sumbeam M-Sport hanno fatto segnare il secondo miglior crono di gara. Vittoria di 2° Raggruppamento e terzo miglior crono per Marco Savioli e Alessandro Failla a bordo della Porsche Carrera RS iscritta tra le fila del Team Bassano, vincitori della Cat. Over 60. Invece, nel 4° Raggruppamento vincono Vaccaronotte e Pratile, su Alfa Romeo 33 con i colori della PS Start.

(Visited 250 times, 1 visits today)